Medicina del lavoro

Per aziende e liberi professionisti
organizziamo la programmazione e l’esecuzione
dei controlli sanitari preventivi e periodici
e degli esami strumentali
previsti dalla normativa vigente

Assunzione di incarico di Medico Competente

La nomina del Medico Competente deve essere effettuata in tutti i casi in cui, a seguito della valutazione dei rischi, emerge la necessità di sottoporre a sorveglianza sanitaria i lavoratori.

Sopralluogo annuale degli ambienti di lavoro e redazione del verbale di sopralluogo

Secondo quanto disposto dall’articolo 25 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. il Medico Competente visita gli ambienti di lavoro almeno una volta all’anno o con cadenza diversa stabilita in base alla valutazione dei rischi. Al termine del sopralluogo provvederà ad emanare il relativo verbale.

Riunione periodica aziendale

Secondo quanto disposto dall’art. 35 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. nelle aziende che occupano più di 15 dipendenti deve essere effettuata almeno una volta all’anno una riunione – alla quale prende parte anche il Medico Competente – per valutare il documento di valutazione dei rischi, l’andamento degli infortuni e delle malattie professionali e gli esiti dell’attività di sorveglianza sanitaria, i criteri di scelta, le caratteristiche tecniche e l’efficacia dei dispositivi di protezione individuale, i programmi di informazione e formazione di dirigenti, preposti e lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute.

Stesura del protocollo di sorveglianza sanitaria

Sulla base della valutazione dei rischi per la salute dei lavoratori il Medico Competente redige un protocollo di sorveglianza sanitaria che prevede, per ogni mansione svolta comportante rischi per la salute, la visita specialistica di medicina del lavoro ed eventuali esami strumentali integrativi.

Visite specialistiche di medicina del lavoro

Secondo quanto disposto dall’art. 41 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. la sorveglianza sanitaria comprende visite:

  • Preventive
  • Periodiche
  • Su richiesta del lavoratore
  • In occasione di cambio di mansione
  • Alla cessazione del rapporto di lavoro (nei casi previsti dalla normativa vigente)
  • All’atto della ripresa del lavoro in caso di assenza per malattia o infortunio di durata superiore a 60 giorni

Esami strumentali e visite specialistiche integrative

In base alla mansione svolta può essere necessario integrare la visita specialistica di medicina del lavoro con esami strumentali, che possono avere cadenza annuale oppure diversa (es. solo durante la visita preventiva o con cadenza biennale, quinquennale ecc.), secondo quanto previsto dalla normativa vigente e/o a discrezione del Medico Competente. In alcuni casi inoltre il Medico Competente può richiedere l’esecuzione di visite specialistiche integrative a completamento della visita di idoneità alla mansione.

Vaccinazioni

Formulazione del giudizio di idoneità alla mansione

Il Medico Competente, al termine della visita specialistica di medicina del lavoro e degli eventuali accertamenti integrativi, redige il giudizio di idoneità alla mansione specifica che potrà prevedere:

  • la piena idoneità del lavoratore allo svolgimento della mansione specifica
  • l’idoneità parziale alla mansione – temporanea o permanente – con prescrizioni o limitazioni
  • l’inidoneità temporanea alla mansione specifica
  • l’inidoneità permanente alla mansione specifica

Certificazione di nulla osta al proseguimento al lavoro in caso di gravidanza in atto

Spetta al Medico Competente consentire alla lavoratrice in stato di gravidanza, previa valutazione della salute della gestante e del nascituro, dei rischi lavorativi e della distanza casa-lavoro, di proseguire l’attività lavorativa sino ad un mese prima del parto.

Certificazione di interruzione immediata del lavoro in caso di gravidanza a rischio o per incompatibilità con la mansione svolta

Spetta al Medico Competente sollevare la lavoratrice dalla mansione prima del periodo di interdizione obbligatoria al lavoro in caso di gravidanza in atto qualora sussistano rischi per la salute della gestante o del nascituro in considerazione della mansione svolta.

Redazione e trasmissione annuale dell’allegato 3b ai Servizi Territoriali Competenti

Secondo quanto disposto dall’articolo 40 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. entro il primo trimestre dell’anno successivo all’anno di riferimento il Medico Competente redige e invia ai Servizi Territoriali Competenti per territorio il documento denominato “Allegato 3b”.

Istituzione, aggiornamento e tenuta delle cartelle sanitarie e di rischio

Per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria il Medico Competente istituisce una cartella sanitaria e di rischio, che aggiorna in occasione delle visite periodiche di idoneità alla mansione. Le cartelle sanitarie e di rischio vengono custodite con salvaguardia del segreto professionale dal Medico Competente.

Gestione dello scadenzario aziendale di medicina del lavoro (visite, corsi, adempimenti legislativi)

Per sgravare il più possibile il datore di lavoro e i suoi collaboratori dagli adempimenti di medicina del lavoro provvediamo a ricordare al referente per la medicina del lavoro aziendale le scadenze riguardanti:

  • Le visite mediche periodiche
  • I sopralluoghi aziendali
  • I corsi di formazione in scadenza
  • Gli adempimenti burocratici annuali

Consulenza al datore di lavoro e aggiornamento circa le novità legislative

Il Medico Competente collabora attivamente all’individuazione e attuazione delle misure da adottare per tutelare la salute dei lavoratori e informa il datore di lavoro circa eventuali aggiornamenti normativi inerenti la medicina del lavoro.

Si rammenta che per poter esercitare l’attività di Medico Competente non è sufficiente l’abilitazione all’esercizio della professione medica ma è indispensabile essere presenti nell’elenco nazionale dei Medici Competenti. È compito del datore di lavoro richiedere al Medico Competente l’attestazione dei propri titoli.
Il Medico Competente deve inoltre effettuare un continuo aggiornamento in materia di medicina del lavoro e ha l’obbligo di trasmettere gli attestati di partecipazione a seminari e convegni comprovanti l’avvenuta formazione agli Enti preposti per le opportune verifiche, pena l’esclusione dal suddetto elenco.

Adempimenti legislativi in caso di sospetto di malattia professionale

Vengono effettuati dal Medico Competente secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

Sorveglianza sanitaria

Per dipendenti
e liberi professionisti

Relazioni specialistiche

A privati, avvocati
e medici legali

Parere specialistico di medicina del lavoro in caso di sospetta malattia professionale

Effettuiamo visite specialistiche di medicina del lavoro in caso di sospetta malattia professionale per privati che ritengono che la loro patologia sia causata dal lavoro svolto oppure nell’ambito di attività di consulenza al medico legale o all’avvocato che prima di intentare una causa desidera ricevere un parere in merito da parte dello specialista in medicina del lavoro.
Il parere specialistico verrà fornito sulla base di un’attenta e mirata raccolta dell’anamnesi lavorativa da parte del medico del lavoro cui seguirà la visita medica e la valutazione delle indagini diagnostiche effettuate dal lavoratore.

Certificazione di idoneità fisica all’impiego per lavoratori autonomi

Secondo quanto disposto dall’articolo 21 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. i lavoratori autonomi e i componenti di impresa familiare, relativamente ai rischi propri delle attività svolte e con oneri a proprio carico, hanno la facoltà di beneficiare della sorveglianza sanitaria come previsto dalla normativa vigente.
Per tale motivo gli interessati possono richiedere la specifica certificazione, rilasciata dal medico del lavoro al termine della visita specialistica di medicina del lavoro e di accertamenti integrativi (se ritenuti necessari).

Certificazione di nulla osta al proseguimento al lavoro in caso di gravidanza in atto

Qualora non fosse presente in azienda il Medico Competente ogni lavoratrice in stato di gravidanza può richiedere al medico del lavoro il certificato per poter proseguire l’attività lavorativa sino ad un mese prima del parto in caso di gravidanza in atto.

Certificazione di assenza di sostanze psicotrope e stupefacenti

A richiesta di privati e lavoratori autonomi è possibile eseguire l’esame tossicologico per la ricerca di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Certificati

A lavoratori autonomi
e dipendenti

Corsi

Formazione
e informazione
dei lavoratori

Primo soccorso aziendale

Per tutte le tipologie di rischio aziendale organizziamo corsi base e aggiornamenti in primo soccorso aziendale.

La movimentazione manuale dei carichi: prevenzione e protezione

Effettuiamo corsi di formazione specifica ai lavoratori circa i rischi legati alla movimentazione manuale dei carichi.

Il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. disciplina la prevenzione e protezione dai rischi per la salute e sicurezza legati alla movimentazione manuale dei carichi.
L’art. 169 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. stabilisce che il datore di lavoro fornisca ai lavoratori le informazioni adeguate relativamente al peso e alle altre caratteristiche del carico movimentato assicurando loro una formazione adeguata in relazione ai rischi lavorativi e alle modalità di corretta esecuzione delle attività nonché l’addestramento circa le corrette manovre e procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi.

Il rumore in ambito lavorativo: prevenzione e protezione

Effettuiamo corsi di formazione specifica ai lavoratori circa i rischi legati all’esposizione al rumore in ambito lavorativo.

Il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. disciplina la prevenzione e protezione dai rischi di esposizione al rumore.
L’art. 195 del D. Lgs. 81/08 stabilisce che i lavoratori esposti a valori uguali o superiori ai valori inferiori di azione (LEX 8 h di almeno 80 dB(A) / 135 dB(C)) in relazione rispettivamente al livello di esposizione giornaliera al rumore e alla pressione acustica di picco siano informati e formati circa i rischi provenienti dall’esposizione al rumore, al corretto uso di macchine e attrezzature rumorose e all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale per l’abbattimento del rumore.

Corso per addetti al videoterminale: prevenzione e protezione

Effettuiamo corsi di formazione specifica ai lavoratori circa i rischi legati all’utilizzo del VDT.

Il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. disciplina la prevenzione e protezione dai rischi di esposizione al videoterminale.
L’art. 177 del D. Lgs. 81/08 stabilisce che il datore di lavoro ha l’obbligo di formare ed informare i lavoratori addetti al videoterminale circa i rischi specifici della loro attività, in particolare per quanto riguarda le misure applicabili al posto di lavoro, le modalità di svolgimento dell’attività e la protezione degli occhi e della vista.